Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘parchi’

Lettera di FAI e WWF pubblicata sul Corriere della sera di oggi

L’accorato appello lanciato dal Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo – alla quale esprimiamo la più completa solidarietà – illustra efficacemente quali pericoli minacciano le aree protette.

Queste, che tutelano buona parte del territorio italiano, rappresentano uno dei maggiori successi del Paese, il quale in pochi decenni ha saputo innalzare dallo 0,6% al 10% (più altrettanto in riserve marine) la percentuale di superficie sottratta ad abusivismo, incendi, caccia, diboscamenti, inquinamenti, preservando così la preziosa biodiversità e i fantastici paesaggi del Bel Paese.

E in più offrendo incomparabili servigi in termini di riduzione dei gas a effetto serra, produzione di acque pulite, incremento di turismo e, di conseguenza, d’introiti per le popolazioni locali, soprattutto nel nostro già
sfortunato Meridione.

I parchi e le riserve marine garantiscono 86.000 posti di lavoro, un fatturato di 9 miliardi l’anno, un flusso turistico annuale di 34 milioni di visitatori, non solo italiani.

Per tutta questa impagabile serie di vantaggi, finora il sistema di aree protette costa allo stato 50 milioni di euro, pari alla spesa di un caffè all’anno per ogni italiano. Il voler – come la manovra economica in
discussione prevede – tagliare del 50% i contributi statali ai parchi significa mettere a rischio funzioni indispensabili come la sorveglianza e i controlli, tagliare posti di lavoro e aprire la porta a tutta una serie di aggressioni finora tenute a freno, dal bracconaggio agli incendi, all’abusivismo.

Fai e il Wwf non possono non denunciare come, a fronte di autentici sprechi in tanti settori ai quali non si prevedono decurtazioni, si voglia
colpire proprio quelle strutture che assolvono i doveri della difesa della patria e della tutela del paesaggio.

Auspichiamo, infine, che nell’anniversario dell’Unità d’Italia e nell’anno dedicato dall’Onu alla difesa della biodiversità, lo Stato voglia aiutare il mondo della natura non togliendo fondi alla difesa del 10% del «sacro
suolo della Patria» come lo definisce la Costituzione repubblicana.

Giulia Maria Mozzoni Crespi, presidente onorario FAI
Fulco Pratesi, presidente onorario WWF Italia

Annunci

Read Full Post »